L’associazione Borghi da Ri..Vivere al Forum sul turismo di Soriano Calabro

L’associazione “Borghi da Ri..Vivere” è stata presente con il suo presidente, l’ingegner Giovanni Renda, a Soriano Calabro lo scorso 28 luglio per il Forum sul turismo in Calabria.

Con questa iniziativa si è inteso dare voce e visibilità alle diversificate esperienze di successo che sono presenti in Calabria, ma che soffrono i vincoli dell’isolamento e dell’assenza di un’identità turistica dei territori. In tali condizioni, esse non sono facilmente identificabili all’interno del mercato di chi domanda servizi turistici e, quindi, generano poca ricchezza (per lo più creata dalla “ristretta” domanda locale). L’obiettivo finale è di pensare ad un modello che aggreghi queste esperienze al fine di aumentarne nel tempo la sostenibilità economica.

L’associazione Borghi Da Ri..Vivere ha illustrato quanto sinora portato avanti e i Comuni che fanno parte della rete volta alla valorizzazione dei piccoli borghi della Calabria. 

Firmato Protocollo d’Intesa tra Associazione Borghi da Ri..Vivere e Parco Naturale delle Serre

Vibo Valentia – Firmato Protocollo d’Intesa tra il Parco Naturale Regionale delle Serre e l’Associazione “Borghi da Ri..Vivere” con lo scopo di attuare una serie di iniziative indirizzate alla valorizzazione delle bellezze naturali del Parco e dei Borghi che ne fanno parte.

Il protocollo vuole essere uno strumento per l’attivazione di sinergie comuni per la riscoperta degli aspetti ambientali, architettonici, culturali, storici, artistici, enogastronomici, tipicità locali, tradizioni e antichi mestieri, alla ricerca di opportunità di sviluppo sostenibile basate sulla condivisione delle azioni per la salvaguardia dell’intero territorio.

L’intesa sottoscritta consentirà di elaborare, promuovere e realizzare progetti di solidarietà sociale e attuare iniziative socio educative e culturali. Un’attenzione particolare è riservata alla valorizzazione dei Borghi Storici, da trasformare in luoghi di attrazione per un turismo di qualità in simbiosi con lo scenario naturare del parco.

I borghi che fanno parte della nostra rete, spiega il presidente dell’associazione “Borghi da Ri..Vivere”, ingegner Giovanni Renda, sono attualmente 26, ai quali spera se ne possano aggiungere tanti altri con l’intento di innescare un’inversione di tendenza per il riconoscimento e rafforzamento dei principi storici che li caratterizzano.

Nei meravigliosi borghi, continua ancora Renda, devono attuarsi iniziative che possano radicalmente scongiurare il proliferare dell’abbandono. Per tale motivo non ci si può limitare ad interventi improvvisati e marginali, ma occorre creare i presupposti per incuriosire e attrarre un turismo di qualità, un turismo fatto da persone che cercano luoghi che emozionano, luoghi che raccontano la storia e che si differenziano per la propria tipicità, con persone predisposte all’accoglienza e al dialogo. Siamo ora pronti,con la pubblicazione del bando regionale per il sostegno di progetti di valorizzazione dei borghi della Calabria, a fornire il nostro supporto e la nostra esperienza a quanti credono nella “rinascita del proprio borgo” che non è fatto di singoli interventi, che rischiano di diventare l’ennesima cattedrale nel deserto, ma di iniziative lodevoli tali da riempire di contenuti un pacchetto appetibile da proporre ad una clientela di qualità.

Per tale motivo, il commissario del Parco Naturale delle Serre, dottor Domenico Sodaro, ha inteso sottoscrivere il protocollo con l’associazione con l’intento di offrire anche un valido servizio ai Comuni del Parco che possono trovare, presso la sede dell’Ente, suggerimenti per la partecipazione al bando per “il sostegno di progetti di valorizzazione dei borghi della Calabria” indetto nella programmazione unitaria regionale 2014-2020.

La firma del protocollo, oltre a contribuire allo sviluppo sociale ed economico del territorio punta anche a: rafforzare il legame tra l’identità del territorio, cultura e turismo sostenibile; creare le basi per una maggiore integrazione e sinergia tra le iniziative turistico-culturali e tra i soggetti promotori del territorio, nell’ottica di favorire la formazione di reti tematiche permanenti a sostegno delle attività culturali, turistiche e di rafforzamento dei valori identitari; organizzare mostre, convegni, seminari, workshop, laboratori tematici, corsi di aggiornamento, spettacoli; organizzare e sviluppare i rapporti fra i cittadini residenti dei borghi e i compaesani emigrati in ogni parte del mondo al fine di potenziare il reciproco interesse alla continuità della tradizione della storia comune.

“Il filo di Arianna è di seta”, Borghi da Ri…Vivere a Nicosia per discutere di promozione turistica del territorio

“Borghi da Ri…Vivere” va in trasferta in Sicilia. Il nostro presidente Giovanni Renda interverrà all’incontro organizzato a Nicosia sabato 24 febbraio alle 10,30, per parlare di strategie di sviluppo e promozione turistica del territorio, sostenendo il percorso di valorizzazione dei borghi storici calabresi. l’evento “Il filo di Arianna è di seta” si terrà nell’aula consiliare del Palazzo di città.

“Albergo diffuso…alla ricerca di valori identitari”, l’incontro il 16 dicembre a Buonvicino (Cs)

Buonvicino (Cosenza) – Una giornata intensa quella organizzata dall’Associazione “Borghi da Ri…Vivere” in collaborazione con l’Umpli di Cosenza per il 16 dicembre a Buonvicino (Cs). Un incontro per discutere dei valori identitari dei borghi, tutto questo secondo il nostro modello di “Albergo Diffuso”. Vi aspettiamo nel “Borgo dei Greci” dalle ore 10,30, con possibilità di visitare il borgo e pranzare in una struttura convenzionata su prenotazione.

INTERVERRANNO:

Ciriaco Biondi, sindaco del Comune di Buonvicino
Ciriaco Astorino, rappresentante Albergo diffuso “Borgo dei Greci”
Antonello Grosso La Valle, presidente provinciale Umpli Cosenza
Giovanni Renda, presidente associazione “Borghi da Ri…Vivere”
Giuseppe Suriano, presidente Albergo diffuso EcoBelmonte
Francesco Carnovale, presidente Borgo della Longevità
Giovanni Misasi, presidente associazione scientifica biologi senza frontiere
Maria Brunella Stancato, presidente senior Italia Calabria

coordina Fabrizia Arcuri

Per maggiori informazioni: 333-7583023

“Borghi d’amare”, il Comune di Badolato e l’associazione “Borghi da Ri…Vivere” il 27 maggio insieme per promuovere le bellezze calabresi

Badolato – Un appuntamento speciale attende il Comune di Badolato per festeggiare i borghi calabresi. Ideato dall’Associazione “Borghi da Ri…Vivere” presieduta dall’ingegnere Giovanni Renda, il 27 maggio si terrà infatti l’evento “Borghi d’amare”. Il tutto avrà inizio alle ore 10.00 con i saluti di benvenuto e visita agli stand tipici dei comuni calabresi per assaporare i prodotti peculiari dei loro territori. Si proseguirà con dei percorsi guidati  riscoprendo le bellezze del centro storico e con l’incontro/dibattito fissato alle 16.00 sul tema “Recupero e rivitalizzazione dei borghi calabresi”. La giornata potrà essere seguita sui social network attraverso l’hashtag #badolatoborgodarivivere. Sarà inoltre possibile visitare una mostra sul tema curata dal Politecnico di Milano e partecipare al concorso fotografico “Tra le vie del borgo” con l’obiettivo di raccontare il territorio di Badolato ed evidenziare l’identità e l’autenticità del borgo.

Il programma

programma-finaleSCARICA:  Regolamento concorso fotografico

SCARICA: Modulo iscrizione concorso fotografico

 

“Borghi da Ri…Vivere” alla riscoperta di antichi sapori

Serrastretta (Catanzaro) – Domenica 5 febbraio alle 10:30 un grande appuntamento al “Vecchio Castagno” di Serrastretta per un viaggio culinario tra gli antichi sapori calabresi e maggiori informazioni sui prossimi progetti dell’associazione.
 
Intervengono:
Giovanni Renda – Presidente associazione “Borghi da Ri…vivere”
Delfino Maruca – Chef federazione nazionale cuochi
Mattia Maruca – Storico antropologo
Carmelo Nucera – Presidente associazione di cultura greca “Apodiafazzi”
Pietro Molinari – Presidente Coldiretti Calabria
 
A seguire pranzo a tema : 30 euro/persona
 
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA ENTRO IL 31 GENNAIO AL NUMERO 333-7583023 !!!!!!!!!!
 
MENU’
 
ANTIPASTO
Antipasto della casa su tavolozze (stendini con insaccati di produzione del Vecchio Castagno (capocollo, pancetta, salsiccia) le ricottine, il pecorino e le olive. Pane di castagne miele e lardo, giardiniere, verdure grigliate, ceci al rosmarino, bruschette con nduja e panzarella, ricottina affumicata con peperone in polvere e semi di finocchio, zuppa di castagne e molto altro ancora…
 
PRIMI PIATTI
Tagliolini con farina di castagna, ricotta e noci;
Tagliatelle verdi ortica e funghi porcini;
Pappardelle al peperone dolce;
 
SECONDI PIATTI
Coppa di maiale alle castagne e bacche di ginepro;
Salsiccia di nero calabrese;
Panata di vitello alla sillana;
Insalata verde mista e patate fritte di Serrastretta con cappuccio spadellato;
 
DOLCE DELLA CASA MISTO ALLE CASTAGNE:
Rusarelle (castagne al vapore) con caramello, cioccolato bianco e vino rosso, succo d’amarena e zucchero;
 
Mousse di castagne
Sfoglia con crema di castagne, ricotta e cannella, in salsa mou.
bevande
 
Per maggiori informazioni: 333-7583023
www.borghidarivivere.it

“Strategie di sviluppo per un turismo sostenibile”, l’associazione Borghi da Ri…Vivere ne ha discusso a Belmonte Calabro

 

Belmonte Calabro (Cosenza) – Si è svolto domenica 23 ottobre nella caratteristica cornice dell’albergo diffuso “Ecobelmonte” di Belmonte Calabro l’incontro organizzato dall’associazione “Borghi da Ri…Vivere” sulle strategie di sviluppo per un turismo sostenibile, all’interno del quale è stato tracciato un bilancio di quanto messo a segno dall’associazione a quasi un anno dalla sua istituzione. Al dibattito, oltre al presidente dell’associazione Giovanni Renda, hanno preso parte i consiglieri regionali Orlandino Greco e Franco Sergio, tra i promotori della proposta di legge sui borghi d’eccellenza, Giuseppe Suriano in qualità di presidente dell’albergo diffuso “Ecobelmonte”, ma anche diversi sindaci e privati associati alla rete.

Una rete, quella di “Borghi da Ri…Vivere” che ad oggi conta circa 60 iscritti tra cui 19 comuni della Calabria con scopo principale quello di tutelare l’enorme patrimonio dei borghi e valorizzarne storia, cultura e identità, al fine anche di destagionalizzarne i flussi turistici in Calabria per non far ulteriormente disperdere le inestimabili ricchezze che questi luoghi hanno da  offrire, ma che vivono costantemente il dramma dell’abbandono. “Dopo un anno di intensa attività tra i borghi della Calabria e con tanti altri Comuni in fase di adesione – ha precisato il presidente Giovanni Renda – ci sentiamo maggiormente responsabili a proseguire questo percorso di valorizzazione che necessita di un dialogo continuo con le istituzioni regionali al fine di concretizzare un progetto unitario che punti al turismo d’eccellenza. Per questo chiediamo che venga istituito un tavolo permanente per meglio stabilire i criteri di qualità che i borghi dovranno avere per entrare nella rete”.

E a fare da scenario all’incontro, il suggestivo albergo diffuso “Ecobelmonte”, l’unico riconosciuto come tale in Calabria. Il suo presidente, Giuseppe Suriano, ne ha spiegato la nascita grazie a fondi privati, continuando poi con i lavori di recupero delle casette disabitate da decenni, utilizzando criteri di “bioarchitettura” e ridando vita alla storia e  al fascino dei luoghi. “Ad oggi – spiega Suriano – i posti sono 44 ma presto con la ristrutturazione si potrà arrivare a circa 90. Abbiamo un patrimonio inestimabile, occorre solo fare rete per dare una maggiore spinta ad una regione che ancora non riesce ad eccellere per ospitalità”. Un modello, quello dell’albergo diffuso “EcoBelmonte” che l’associazione “Borghi da Ri…Vivere” vuole riproporre in  altre località della Calabria.

A condividere quanto sinora portato avanti dall’associazione, il consigliere regionale Franco Sergio, che ha aggiunto: “Abbiamo un territorio ricco di vocazioni, soprattutto in specifici settori a partire dall’enogastronomia o dall’ortofrutta, insieme alla naturalezza dei paesaggi e alla bellezza del territorio. Potremmo essere portatori di un nuovo flusso turistico individuando le linee guida sulle quali improntare un progetto politico innovativo come avvenuto in altre regioni e proprio su questo stiamo lavorando”.

A soffermarsi sulla proposta di legge in merito ai “borghi storici ospitali”, il consigliere Orlandino Greco, che ne ha evidenziato l’importanza sposando a pieno le iniziative portate avanti dall’Associazione. “Oggi abbiamo la necessità di approvare questa legge prima degli altri. I fondi per finanziarla ci sono – ha precisato – e sono nel Patto per il sud. L’unica visione possibile è quella di trasformare i borghi in borghi storici ospitali legati al turismo, un turismo adeguato, che tenga conto dei servizi che ogni singolo Comune è in grado di offrire e che non si concentri solo in due mesi all’anno”, annunciando a breve un incontro con il presidente Oliverio per discutere della legge e delle prospettive che vi sono, coinvolgendo anche l’associazione Borghi da Ri…Vivere”. A sostenere le iniziative della rete in vista di future collaborazioni anche l’Unpli e gli organizzatori del “Festival dell’ospitalità” che si è tenuto a Scilla dal 30 settembre al 2 ottobre 2016.

L’associazione “Borghi da Ri…Vivere” 

“Borghi da Ri…Vivere” ha sede a Lamezia Terme, ma opera in tutta la regione per recuperare la storia e la memoria dei luoghi e istituire una grande rete che colleghi tutte le peculiarità dei borghi calabresi. Ad aver già aderito diciannove comuni calabresi: Roseto Capo Spulico, Maierà, Orsomarso, Falconara Albanese, Torano Castello, Longobardi, San Pietro in Amantea per la provincia di Cosenza; Motta Santa Lucia, Cerva, Amaroni, Badolato e l’unione dei Comuni di Monte Contessa (Curinga, Jacurso, Maida, Cortale, San Pietro a Maida) per la provincia di Catanzaro; Gerocarne per la provincia di Vibo Valentia, Bova e Staiti per la provincia di Reggio Calabria. A far parte dell’associazione anche diversi soggetti pubblici e privati, mentre altri Comuni sono in fase di adesione. Per maggiori informazioni: www.borghidarivivere.it

Continua il percorso dell’associazione “Borghi da Ri…Vivere”, appuntamento il 23 ottobre all’albergo diffuso “Ecobelmonte”

Lamezia Terme – Continua il percorso di valorizzazione e promozione territoriale portato avanti dall’associazione “Borghi da Ri…Vivere” con sede a Lamezia Terme, ma che opera in tutta la regione per recuperare la storia e la memoria dei luoghi e istituire una grande rete che colleghi tutte le peculiarità dei borghi calabresi. Dopo la presentazione ufficiale presso la Cittadella regionale dello scorso 24 febbraio e l’adesione di 19 comuni, il prossimo appuntamento è fissato per domenica 23 ottobre alle ore 10.30 presso il villaggio “Ecobelmonte” di Belmonte Calabro (Cs), unico con certificazione di “albergo diffuso” in Calabria. Leggi di più “Continua il percorso dell’associazione “Borghi da Ri…Vivere”, appuntamento il 23 ottobre all’albergo diffuso “Ecobelmonte””